Arsenico nell'acqua: torna l'allarme a Roma

Fonte: http://www.greenme.it/


Scritto Da Germana Carillo

Creato 03 Marzo 2014

 

Arsenico nell'acqua di Roma Nord: si ripresenta l'incubo acqua contaminata nel Lazio. Fino a tutto dicembre prossimo, vigerà il divieto di bere acqua dei rubinetti e di utilizzarla per igiene personale per alcuni abitanti di Roma Nord, perché contenente agenti chimici pericolosi.

Aqua sulle mani

"Il divieto di utilizzo di acqua – specifica l'Assessorato allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale - emesso tramite ordinanza n.36 del 21 febbraio 2014 riguarda un numero molto limitato di utenti dei municipi XIV e XV. Si tratta di circa 500 utenti con allaccio agli acquedotti rurali dell'agenzia regionale Arsial".

Il divieto, quindi, riguardante "solo" un mezzo migliaio di utenti con allaccio agli acquedotti rurali dell'agenzia regionale (Malborghetto, Brandosa, Casaccia, Casal di Galeria, Monte Oliviero, Piansaccoccia, Camuccini), è stato adottato a titolo preventivo ed è volto ad intervenire su una situazione nota già da molto tempo e che riguarda la "riqualificazione degli acquedotti rurali" per adattare l'acqua erogata alla modifica dei parametri europei. L'agenzia regionale Arsial per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura, intanto, rende noto che da due anni sulle bollette delle proprie utenze è riportata la dicitura "acqua non potabile".

In effetti, ora il Comune è sotto accusa per il ritardo con cui sono state date le informazioni. Gli acquedotti interessati dall'ordinanza sono gestiti dall'Arsial e lo specifica l'ordinanza del 21 febbraio, dove si legge che gli acquedotti coinvolti saranno oggetto di trasferimento a Roma Capitale e poi ad Acea. Ma nello statuto dell'Acea è definito che può acquisire solo reti idriche perfettamente a norma, per cui non quella dell'Arsial per il momento: "Siamo aperti a qualsiasi acquisizione - dicono fonti di Acea - per il momento Ato 2 sta procedendo alla sistemazione della rete Arsial con fondi della Regione, ma dobbiamo ancora fare una valutazione dell'impatto finanziario che questa operazione avrà sulle nostre casse".

Ad effettuare le analisi sull'acqua è stata l'Asl Roma C evidenziando "acqua con caratteristiche chimiche e batteriologiche ovvero solo batteriologiche non adatte al consumo umano a causa del superamento dei valori di parametro prescritti".

È quindi scattato il divieto di utilizzo dell'acqua fino al 31 dicembre 2014 e le zone interessate sono: Malborghetto (XV Municipio), aree ex ente Maremma di Osteria Nuova (XV Municipio), Santa Maria di Galeria (XIV Municipio), Tragliatella (XIV Municipio), Piansaccoccia (XIV Municipio), alcune aree del consorzio di Cerquette Grandi (XIV Municipio).


Fonte: http://www.greenme.it/